E.T. EDUCATION TO TALENT 2

February 7, 2015

Dgr 1146 del 05/07/2013 – Potenziare il potenziale nel sistema scolastico.
 

Nel 2012, con la DGR 1192/2012 la Regione Veneto ha finanziato un progetto sperimentale per sostenere e valorizzare i bambini ad alto potenziale cognitivo (gifted children) all’interno del 1° ciclo di istruzione scolastica (scuole primarie e secondarie di primo grado) del Veneto, al fine di rispondere al diritto delle pari opportunità di tutti i bambini/e di sviluppare appieno il proprio potenziale.

 

Le attività proposte, condivise con l’Ufficio Scolastico Regionale e realizzate attraverso il progetto “E.T. Education to Talent” vincitore del Bando, hanno avuto un successo molto superiore alle aspettative.

 

Nel 2013 la Regione del Veneto, con la DGR 1146/2013, ha voluto sviluppare il progetto con l’obiettivo di aumentare e consolidare la rete di scuole impegnate sul tema dei bambini ad alto potenziale intellettivo, allargare i destinatari estendendo il progetto alle scuole dell’infanzia, passare da una fase sperimentale all’elaborazione di un modello d’intervento a sostegno dei bambini con buon potenziale cognitivo, sia per quanto riguarda la formazione alle scuole che il sostegno alle famiglie.

 

Gli obiettivi specifici, realizzati attraverso il progetto “Education to Talent 2” sono stati: opportunità di informazione/formazione/approfondimento per gli insegnanti dei progetti ET1 e ET2 sul tema delle differenze tra gli allievi in relazione alle diverse dotazioni intellettive e sulla necessità di prevedere misure di differenziazione e personalizzazione pedagogica e didattica a sostegno non solo degli allievi con un buon potenziale cognitivo ma dell’intero gruppo classe; riconoscimento, accompagnamento e sostegno ai bambini e ragazzi gifted e alle loro famiglie.

 

Queste attività di formazione/informazione e di servizi dedicati hanno lo scopo di contribuire a sostenerne una crescita e una formazione quanto più possibile armonica, in un contesto di relazione e di apprendimento garanti del benessere, di un corretto sviluppo psico-fisico ed emotivo ed in grado di rispondere alle reali esigenze e potenzialità di ciascuno.

 

A garanzia del raggiungimento degli ambiziosi obiettivi sopra esposti, il progetto si avvale sia di un partenariato altamente qualificato, sia di una Cabina di Regia istituzionale, con i compiti di monitoraggio e di indirizzo.

 

Questi i partner del progetto “E.T. Education to Talent”:

 

Ente capofila, attività di coordinamento:

Fondazione Centro Produttività Veneto

 

Referente scientifico per le attività rivolte alle scuole:

Professoressa Daniela Lucangeli

Dipartimento della Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione dell’Università degli Studi di Padova;

Coordinamento Nazionale Insegnanti Specializzati e la ricerca sulle situazioni di handicap (C.N.I.S.)

 

Referente scientifico per le attività di accompagnamento ai bambini ad alto potenziale cognitivo e alle loro famiglie:

Professor Pierantonio Battistella

U.O.C. di Neuropsichiatria Infanzia e Adolescenza ULSS 16 Padova

 

Cabina di Regia:

dott. Santo Romano – Commissario Straordinario per la Formazione, l’Istruzione ed il Lavoro della Regione Veneto;

professoressa Michela Possamai – Ufficio Scolastico Regionale del Veneto;

dott.ssa Nicoletta Cipolli, dott. Francesco Callegari – Dirigenti Scolastici di scuole già impegnate nell’adozione di misure di differenziazione e di sostegno personalizzato.

 

Partner del progetto:

  • Fondazione Centro Produttività Veneto (CPV) CAPOFILA

  • Dipartimento della Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione dell’Università degli Studi di Padova

  • Dipartimento di Brain and Behavioral Sciences, Sezione Psicologia – Università di Pavia

  • O.C. di Neuropsichiatria Infanzia e Adolescenza ULSS 16 Padova

  • Coordinamento Nazionale Insegnanti Specializzati e la ricerca sulle situazioni di handicap (C.N.I.S.)

  • Fondazione Opera Immacolata Concezione

  • A.R.I. – Fabbrica Attività & Relazioni Intergenerazionali Spa

  • Associazione Gifted And Talented Education (GATE) – Italy

  • Conservatorio statale di musica “Francesco Venezze”

  • Associazione Omniacom

 

 

FASI DI SVILUPPO DELLE ATTIVITA'

 

La seconda annualità del progetto è stata presentata durante l’evento “E.T. EDUCATION TO TALENT. Potenziare il potenziale nel sistema scolastico. Tra il primo e il secondo anno: risultati e ripartenze”, che si è svolto il 19 Novembre 2013 presso il Palazzo Grandi Stazioni della Regione del Veneto. L’evento ha coinvolto 90 tra insegnanti e genitori e 15 operatori tra i partner e i professionisti interessati e direttamente coinvolti nei due progetti.

 

Come previsto dal progetto “Education to Talent 2” sono stati realizzati due incontri di sensibilizzazione a Vicenza e a Padova, durante i quali si è presentato il progetto nei suoi obiettivi e nelle sue diverse fasi, illustrando ai partecipanti chi sono i bambini ad alto potenziale cognitivo A questi due incontri hanno partecipato 39 persone, tra insegnanti e genitori.

 

Elemento di rilievo di questa seconda annualità del progetto, è il suo essere in continua evoluzione, sia in termini di crescita di partenariato che sviluppo delle attività, come risposta ai sempre più complessi bisogni che si stanno creando attorno alle attività fino ad oggi realizzate.

 

Il successo dei due progetti “Education to Talent” si misura primariamente con le esigenze che dalla realizzazione di questi stanno emergendo e alle quali si sta dando risposta sia attraverso l’ ET2 sia attraverso l’impegno personale e professionale di attori e destinatari del progetto stesso. In particolare i bisogni emersi sono i seguenti:

  • creazione di un’Associazione Genitori, punto di riferimento per tutte le famiglie con bambini e ragazzi ad alto potenziale cognitivo;

  • possibilità per bambini e ragazzi ad alto potenziale cognitivo di un confronto fra pari: laboratori e momenti di crescita formativa a loro dedicati;

  • individuazione di spazi adeguati per permettere alle famiglie e ai ragazzi di incontrarsi;

  • creazione di un’Associazione scientifica sul tema dei bambini ad alto potenziale cognitivo, punto di riferimento per la ricerca scientifica e per la didattica, con l ‘istituzione del centri di ricerca talentgate a supporto e consolidamento della rete delle scuole coinvolte nel progetto “Education to Talent”;

  • necessità di strumenti sempre più pratici e operativi per gli insegnanti già formati nell’ambito dei due progetti “E.T. Education to Talent” e “Education to Talent 2”

 

Questo quanto realizzato per rispondere alle esigenze sopra indicate:

  • creazione dell’Associazione Genitori “A.GE.T.”;

  • creazione dell’Associazione di professionisti “Associazione Scientifica Gifted and Talented Education (GATE) – Italy”;

  • individuazione di un Comitato Etico, che vigili sull’efficacia e l’impatto delle iniziative previste dal progetto e di tutte le attività ad esso collegate sul benessere psico-fisico dei bambini e ragazzi coinvolti;

  • individuazione di due spazi privilegiati (TALENTGATE) di ricerca e di attività di progetto e con le famiglie: Scuola d’Arte e Mestieri di CPV a Vicenza con annessi laboratori creativi e artistici per la realizzazione di iniziative rivolte al potenziamento della creatività individuale e del riconoscimento dei talenti e TalentLab di Civitas Vitae (Fondazione OIC Onlus) a Padova con attività prevalenti di formazione digitale e incubatore di talenti digitali;

  • variazioni progettuali in corso d’opera con la proposta di 2 laboratori sperimentali (“In vacanza con l’arte” e “matematicaMENTEscienza”) rivolti a bambini e ragazzi valutati all’interno dei due progetti “Education to Talent” e che prevedono anche la partecipazione di insegnanti formati. Lo scopo è quello di acquisire su esperienze concrete alcuni strumenti pratici da applicare poi direttamente nelle classi;

  • allargamento del partenariato di progetto con l’inserimento di:

    • Fondazione Opera Immacolata Concezione

    • A.R.I. – Fabbrica Attività & Relazioni Intergenerazionali Spa

    • Gifted And Talented Education (GATE) – Italy

 

Attività previste dal progetto “Education to Talent 2” a favore delle Istituzioni Scolastiche

 

Destinatari di queste attività sono le istituzioni scolastiche di tutta la Regione Veneto, in particolare:

 

- la scuola dell’infanzia

- la scuola primaria

- la scuola secondaria di 1° grado

 

Destinatari finali: personale docente, con particolare riguardo alle figure professionali di sistema e/o ai referenti d’ambito.

 

1.Attività formativa intensiva e residenziale:

 

E’ stata realizzata la LEARNING WEEK di 5 giorni, per un totale di 40 ore di formazione, presso la Casa religiosa di ospitalità “TERME SAN MARCO“, ad Abano Terme.

 

Un totale di 133 insegnanti sono stati formati, nel corso di questa settimana, sui seguenti temi:

 

  • Lo sviluppo della persona nella differenza dei talenti. Processi cognitivi nell’iperdotazione

  • Le caratteristiche dell’iperdotazione. L’intervento sull’iperdotazione nel contesto educativo

  • Didattica per l’iperdotazione

  • La legislazione sui bambini ad alto potenziale cognitivo

  • Sviluppo dell’intelligenza, sua variabilità e iperdotazione

  • Riconoscere l’allievo ad alto potenziale intellettivo nel contesto educativo

  • Gli aspetti emotivo-motivazionali dei bambini iperdotati. Il supporto alla famiglia del bambino iperdotato

  • Musica, emozione ed iperdotazione. Sviluppo del pensiero musicale e abilità extramusicali. Musica e creatività. Coordinazione motoria e prassie strumentali.

  • Il pensiero creativo e l’iperdotazione

  • I risultati del progetto “E.T. Education to Talent” e le nuove prospettive del progetto “Education to Talent 2″ .

 

Dei 133 insegnanti effettivamente formati sulla base dei criteri previsti dal Bando, questa è la distribuzione sul territorio regionale e la divisione tra i diversi gradi scolastici:

 

 

La limitata adesione da parte delle Scuole dell’Infanzia è causata dalle difficoltà organizzative di sostituzione degli insegnanti per una intera settimana in strutture ad organico molto limitato. L’interesse manifestato dalle scuole dell’infanzia è risultato piuttosto elevato ma numerose insegnanti iscritte si sono successivamente ritirate dal progetto per il motivo sopra indicato.

 

Anche quest’anno i risultati dei questionari di gradimento somministrati al termine della attività evidenziano un successo sotto il profilo didattico, organizzativo e di motivazione degli insegnanti aderenti al progetto.

 

 

2. Seminari di approfondimento e Laboratori Didattici:

 

I destinatari dei seminari di approfondimento sono i 133 insegnanti formati nella Learning Week di “Education to Talent 2″ (DGR 1146/2013) e i 215 formati nell’ambito del progetto “E.T. Education to Talent” (DGR 1192/2012). Questi insegnanti hanno potuto scegliere liberamente tra i diversi percorsi seminariali di formazione – scambio proposti al fine di rafforzare le competenze sul tema.

 

Queste le attività realizzate:

 

NUMERO 5 PERCORSI SEMINARIALI DI APPROFONDIMENTO

 

Sviluppo cognitivo e strategie di apprendimento nei gifted:

  • Sede di Vicenza – 29 iscritti; 22 formati

    • province scuole formati: Padova (6), Venezia (1), Verona (1), Vicenza (14)

    • ordine scuole formati: Infanzia (3), Primaria (15), Secondaria (4)

 

  • Sede di Padova – 23 iscritti; 18 formati

    • province scuole formati: Belluno (1); (Padova (6), Rovigo (7); Venezia (3), Vicenza (1)

    • ordine scuole formati: Infanzia (2), Primaria (8), Secondaria (8)

 

Didattica per l’iperdotazione:

 

  • Sede di Treviso 1 – 24 iscritti; 20 formati

    • province scuole formati: Treviso (10), Venezia (5), Vicenza (5)

    • ordine scuole formati: Infanzia (1), Primaria (14), Secondaria (5)

 

  • Sede di Treviso 2 – 21 iscritti; 17 formati

    • province scuole formati: Belluno (4), Padova (8), Treviso (5)

    • ordine scuole formati: Primaria (10), Secondaria (7)

 

  • Sede di Verona – 15 iscrizioni; 15 formati

    • province scuole formati: Treviso (1), Verona (12), Vicenza (2)

    • ordine scuole formati: Infanzia (5), Primaria (8), Secondaria (2)

 

Dati complessivi:

 

 

 

NUMERO 2 LABORATORI DIDATTICI

 

Obiettivo degli interventi è stato quello di sperimentare sul campo attività didattiche rivolte a bambini ad alto potenziale cognitivo attraverso percorsi paralleli e integrabili a quelli scolastici. Due percorsi multidisciplinari ad altissimo livello che hanno permesso di aggregare bambini e ragazzi ad alto potenziale cognitivo e che ha fornito spunti e suggerimenti da utilizzare anche all’interno del proprio gruppo classe.

 

In vacanza con l’arte

 

L’attività si è sviluppata come vero e proprio laboratorio rivolto alle famiglie di bambini e ragazzi ad alto potenziale cognitivo aderenti ai progetti “E.T. Education to Talent” e “Education to Talent 2″, ed è aperto anche agli insegnanti delle scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di primo grado formati nei due percorsi, che potranno acquisire strumenti didattici, stimoli e suggerimenti attraverso la verifica sul campo, il vedere come si può fare. Un’occasione unica per confrontarsi con Maestri della Letteratura (Roberto Piumini), della Musica (Luciano Borin e Francesco Facchin), della Pittura (Marcella Brancaforte) e del Teatro (Pino Costalunga).

 

  • Sede di svolgimento: Hotel Belvedere di Bassano del Grappa (nell’ambito delle attività promosse da Campus delle Arti) – 22 bambini/ragazzi + 8 insegnanti (num massimo previsto dal progetto– gli iscritti reali sono stati 54); di cui 29 formati.

  • Numero di bambini/ragazzi formati: 21

  • Province dei bambini/ragazzi formati: Belluno (1); Padova (13); Treviso (3); Venezia (3); Verona (1)

  • Numero insegnanti formati: 8 (gli insegnanti che hanno fatto richiesta di partecipazione sono stati 32)

  • province degli insegnanti formati: Padova (5); Vicenza (3)

  • ordine scuole formati: Primaria (6), Secondaria (2)

 

matematicaMENTE scienza (attività in corso)

 

matematicaMENTEscienza è un progetto di formazione tecnico – scientifica che ha lo scopo di rispendere alle curiosità proprie dei bambini e ragazzi ad alto potenziale.

 

L’attività si sviluppa con diversi laboratori studiati appositamente per i bambini e ragazzi, tra la scienza, la fisica, l’astronomia, l’informatica e la tecnologia. Ha l’obiettivo di aggregare, coinvolgendo e accompagnando, i bambini e ragazzi ad alto potenziale cognitivo negli ambiti di interesse che spesso per loro risultano i più stimolanti. Ciascun laboratorio prevede un ruolo attivo per i bambini, con esperimenti e dimostrazioni pratiche.

 

Sedi di svolgimento: TALENT GATE Via Rossini, 66 Vicenza e TALENT LAB Via Monselice 15/a – 35142 Padova – 15 bambini/ragazzi + 8 insegnanti (adesioni totali pervenute: 55). In fase di svolgimento

 

  • Province dei bambini/ragazzi iscritti: Belluno (1); Padova (3); Treviso (5); Venezia (4); Vicenza (2)

  • Numero insegnanti iscritti: 8

  • province degli insegnanti iscritti: Padova (4);Treviso (1); Venezia (2); Vicenza (1)

  • ordine scuole formati: Primaria (7), Secondaria (1)

 

3. Tutoraggi personalizzati:

 

Il tutoraggio personalizzato è un’attività di affiancamento per 35 insegnanti (per 10 ore ciascuno) già formati nelle Learning Week (DGR 1192/2012 o DGR 1146/2013) di un tutor esperto fin dentro la classe. Ha lo scopo di accompagnare e guidare gli insegnanti nella messa in pratica di quanto appreso, e di contribuire alla verifica e validazione degli strumenti didattici ed pedagogici diversificati proposti e costruiti nel corso dei due progetti “Education to Talent”.

 

4. Creazione di una comunità di apprendimento e professionale:

 

Il valore innovativo del progetto e il suo impatto nelle scuole che hanno aderito richiede necessariamente un luogo di condivisione e di confronto continuo. Nell’ambito del progetto è stata attivata una nuova aula virtuale all’interno del portale Edutalenti, strumento per la gestione della Conoscenza di Progetto. Questa aula raccoglie tutti i materiali presentanti durante le varie attività formative, capitalizzando al meglio tutto lo sforzo progettuale, e consente di condividere in itinere ogni documento, ogni prodotto, ogni linea di lavoro, attraverso dei forum dedicati.

 

L’Associazione Omniacom in collaborazione con l’Università di Padova, inoltre, ha predisposto l’Unità Didattica (UD) dedicata a “Costruiamo un project work”, al quale hanno aderito gli insegnanti formati nell’ambito del progetto “E.T. Education to Talent” e “Education to Talent 2”. L’attività di realizzazione del Project Work attraverso l’Unità Didattica è studiata per guidare gli insegnanti interessati nella progettazione di sperimentazione di quanto appreso. Permette, inoltre, di valorizzare e verificare quanto già realizzato ed emerso all’interno dei due progetti ET.

 

Attività previste dal progetto “Education to Talent 2” a favore delle famiglie di bambini a buon potenziale cognitivo

 

Destinatari di queste attività sono le famiglie di bambini ad alto potenziale cognitivo. Questi gli interventi già attivati previsti dal progetto:

 

  • Sportello di prima accoglienza: lo sportello ha l’obiettivo di rispondere a dubbi e domande dei genitori/famigliari7persone interessate coinvolte con un primo colloquio conoscitivo. Lo Sportello servirà anche per orientare gli utenti alle eventuali successive attività di valutazione e counseling rivolte ai bambini/ragazzi e le loro famiglie.

 

  • Identificazione dei bambini gifted e counselling ai genitori: obiettivo di questo intervento di sistema è quello di offrire un primo aiuto concreto a 60 famiglie di potenziali bambini gifted e ai bambini stessi, a partire dalla conoscenza delle caratteristiche cognitive e comportamentali. Si vuole, innanzitutto, verificare se queste caratteristiche soddisfano il criterio di inclusione all’interno di questo gruppo e in caso affermativo, definire le specificità dei punti di forza e di debolezza, sulla base dei quali orientare, sostenere e sviluppare le potenzialità dei bambini/ragazzi nell’ambito famigliare.

 

Visto il numero rilevante di richieste di valutazione pervenute (in lista d’attesa), la Regione del Veneto ha concesso l’aumento del numero di famiglie coinvolte nell’ambito di questo stesso progetto, attraverso il recupero di alcune ore di attività.

Sono state coinvolte, quindi, 64 famiglie delle seguenti province, superando le 720 ore previste dal progetto

 

  • Belluno: 4

  • Padova: 32

  • Rovigo: 1

  • Treviso: 19

  • Venezia: 3

  • Verona: 2

  • Vicenza: 3

 

  • Coaching di gruppo per famiglie:
    L’attività di coaching è rivolta alle famiglie dei bambini/ragazzi ad alto potenziale, e ha lo scopo di fornire degli strumenti educativi e psicologici tali da favorire lo sviluppo armonico del bambino/ragazzo secondo le sue peculiarità e in armonia con il suo ambiente. Tra gli obiettivi di questi percorsi, si sottolineano anche questi aspetti: – aumentare l’autostima: credere in se stessi pur facendo parte di una minoranza; – creare relazioni significative: nelle relazioni importanti il bambino/ragazzo si deve sentire accettato per quello che è; – imparare ad apprezzare e rispettare gli altri: gli altri non sono da evitare. Infine l’attività di coaching ha anche lo scopo di mettere in relazione famiglie che affrontano problemi e sfide simili.

 

Come per le valutazioni, anche nel caso del coaching di gruppo è stato chiesto e approvato da parte della Regione del Veneto l’aumento del numero di attività previste, realizzando 4 diversi gruppi di famiglie, sui 3 previsti dal progetto.

 

I primi 2 gruppi sono stati realizzati parallelamente al Laboratorio “In vacanza con l’arte” a Bassano, con l’intento di dare la possibilità a genitori lavoratori e, comunque, di diverse province di poter partecipare a questi incontri:

 

Coaching per famiglie – gruppo 1: 5 genitori aderenti: 3 famiglie dalla provincia di Treviso, 1 di Padova, 1 di Verona

 

Coaching per famiglie – gruppo 2: 5 genitori aderenti: 4 famiglie della provincia di Padova, 1 di Belluno

 

I successivi 2 gruppi sono in corso di realizzazione con incontri settimanali, uno a Padova e uno a Treviso per meglio rispondere alle famiglie, anche dal punto di vista territoriale

 

Coaching per famiglie – gruppo 3 (Treviso): 6 genitori aderenti (5 partecipanti assidui): 5 famiglie della provincia di Treviso, 1 della provincia di Belluno

 

Coaching per famiglie – gruppo 4 (Padova): 7 genitori aderenti: 4 famiglie della provincia di Padova, 2 di Vicenza, 1 di Venezia

 

 

LA NUOVA ASSOCIAZIONE GIFTED AND TALENTED EDUCATION (G.A.T.E.) ITALY

 

Gifted And Talented Education (GATE)- Italy è un’Associazione Scientifica Nazionale senza scopo di lucro, che riunisce i principali esperti nazionali sui temi della plusdotazione (giftedness) e dei bisogni educativi speciali, con un team multidisciplinare in grado di accompagnare le Istituzioni Pubbliche Regionali e scolastiche nel riformare e aggiornare l’offerta didattica in grado di rispondere ai bisogni emergenti dei bambini ad alto potenziale intellettivo (gifted children) e gli allievi con bisogni educativi speciali, delle loro famiglie e dei loro insegnanti.

 

Le finalità di GATE ITALY sono:

 

  • Promuovere l’innovazione e l’eccellenza nello sviluppo e utilizzo di nuovi modelli di intervento in ambito formativo, didattico, sociale e lavorativo, con metodologie e approcci scientifici che siano in grado di orientare efficacemente le nuove generazioni, promuovendo i loro talenti all’interno del Sistema Paese;

  • Favorire nell’ambito del quadro strategico di valorizzazione del capitale umano, competenze ed eccellenze indirizzate verso la ricerca accademica e il mondo delle imprese, facilitando l’inserimento di giovani di talento nella ricerca e nel mondo del lavoro, aprendo ponti della conoscenza con i ricercatori internazionali;

  • Esportare il modello di “Education to Talent” a livello nazionale creando sinergie fra le regioni, offrendo maggiori opportunità di sviluppo e crescita professionale dei docenti e dei giovani di talento;

  • Promuovere nelle università corsi di laurea, moduli didattici o percorsi curriculari nelle tematiche dei gifted children e del gifted teaching, rivolte alle future figure afferenti all’ambito clinico e/o all’ambito della didattica;

  • Attivare la formazione specialistica con master di 1^ e 2^ livello per la figura di “Docente Specialista in Gifted Teaching” e di “Specialist in gifted Education” che supportino la gestione delle risorse dei talenti in modo efficace in un’ottica educativa e sociale;

  • Sviluppare nuovi sistemi di aggiornamento dei docenti con modalità laboratoriali e seminariali, anche con l’utilizzo della piattaforma F.A.D. e delle nuove tecnologie;

  • Sviluppare   la ricerca sugli allievi con bisogni educativi speciali ed in particolare sui gifted children legati alla didattica, all’orientamento e alle nuove tecnologie;

  • Promuovere il benessere e la tutela dei bambini con bisogni educativi speciali e dei gifted children in tutte le sue fasi di sviluppo e crescita.

 

I soci sono:

 

il Presidente: prof. Pier Antonio Battistella docente universitario di neuropsichiatria infantile dell’Università di Padova, direttore del Dipartimento di Neuropsichiatria Infantile dell’ Azienda ULSS 16 di Padova, il Vice presidente e Presidente del Comitato Scientifico:   prof.ssa Daniela Lucangeli,   Ordinario di Psicologia dello Sviluppo e Prorettore dell’Università degli Studi di Padova; il Direttore: la dott.ssa Isabella Morabito, sociologa e project manager, fondatrice dell’Associazione Genitori Education to Talent (AGET), il Presidente del Comitato Etico : Prof.ssa Paola Drigo docente universitario di Neurologia pediatrica e neuropsichiatria infantile dell’Università di Padova, membro del comitato bioetico del Dipartimento di Pediatria dell’Azienda Ospedaliera dell’Università di Padova, il Presidente del Comitato Scuola: dr.ssa Gianna Maria Miola già Direttore dell’Ufficio Scolastico Regionale del Veneto, il Presidente del Comitato Tecnico: dr. Massimo Ronchese psicologo presso la Neuropsichiatria Infantile dell’Azienda Ulss 16 di Padova,   il prof. Angelo Ferro, già docente di Economia dell’università di Padova, presidente della Fondazione OIC e della Fondazione HUMAN di Padova; la dott.ssa Martina Pedron, psicologa, psicoterapeuta e assegnista del progetto “Gifted Teaching” presso il Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo (Università di Padova), la dott.ssa Martina Brazzolotto, insegnante, formatrice nel progetto Education to Talent, tutor alla didattica presso il Dipartimento di Scienze dell’Educazione (Università di Bologna); il dott. Guido Masnata, responsabile del TalentLab di Padova; la dott.ssa Stefania Magagnin, della Fondazione Opera Immacolata Concezione (OIC); il Prof. Guido Derenoche docente di neuropsichiatria infantile dell’Università di Padova, neuropsichiatra infantile presso il Dipartimento di NPI dell’Azienda ULSS 16 di Padova, il   dr. David Polezzi, Ph.D., psicologo e psicoterapeuta cognitivo comportamentale, il prof. Alessandro Antonietti Ordinario di Psicologia e Direttore del Dipartimento di Psicologia dell’Università Cattolica di Milano, la prof.ssa Ornella Pantano docente universitario di didattica della fisica Dipartimento di Fisica dell’Università di Padova.

 

I Soci persone Giuridiche:

 

La Fondazione Centro Produttività Veneto (CPV) di Vicenza nella persona del Direttore dr. Antonio Girardi

 

L’Associazione Coordinamento Nazionale degli Insegnanti Specializzati (CNIS) nella Persona della Responsabile dr.ssa Martina Pedron

 

 

 

 

 

 

 

Please reload

Post recenti
Please reload

Archivio